Posts Tagged ‘ assistente vocale ’

Il CEO di Nuance conferma di contribuire al riconoscimento vocale di Siri

mag 30th, 2013 | By

Durante un’intervista presso la D11 di All Things D il CEO di Nuance ha ufficialmente confermato di contribuire con la propria compagnia al funzionamento del riconoscimento vocale di Siri. Come Apple e Google anche Nuance ha partecipato alla conferenza D11 di All Things D ed il CEO dell’azienda, Paul Ricci, avrebbe confermato il coinvolgimento della sua compagnia per il funzionamento del riconoscimento vocale di Siri, assistente vocale introdotto da Apple con l’arrivo sul mercato di iPhone 4S. Sin dal lancio di Siri nel 2011 molti credevano che Apple avesse creato una partnership con Nuance, senza che tuttavia ci fossero conferme in tal senso. Durante l’intervista a Ricci è stato chiesto se fosse colpa della sua azienda il fatto che Siri non capisse la voce di un utente. Il CEO ha a quel punto confermato come Nuance sia effettivamente coinvolta nella componente vocale di Siri, negando di essere impegnato con Google nei suoi tentativi per migliorare il riconoscimento vocale nei suoi device. Un’altra interessante dichiarazione fa riferimento all’effettivo funzionamento di applicazioni basate su Nuance come Siri e se fossero locali o basate sul cloud: “ Dipende dall’applicazione. Alcuni smartphone sono ibridi. Le auto hanno una componente locale. Sull’iPhone, ad esempio, sono entrambe le cose. Siri è cloud-based, ma sono presenti anche alcuni componenti integrati.”  Il CEO di nuance si è infine detto fiducioso sui risultati che Siri ed Apple riusciranno ad ottenere in futuro. Fonte:  Cult of Mac



Google Now sbarca su iOS tramite l’aggiornamento dell’applicazione Ricerca Google

apr 29th, 2013 | By

Dopo molto tempo (forse troppo) Google Now è finalmente arrivato anche su iOS grazie all’aggiornamento dell’applicazione Ricerca Google che arriva alla versione 3.0. Google Now è un sistema a schede che permette di avere sempre a portata di mano alcune informazioni come ad esempio le previsioni del meteo o risultati di partite. Trova le informazioni giuste al momento giusto con Google Now. Esegui ricerche senza digitare con la Ricerca vocale migliorata, inoltre  con Google Now trovi le risposte ancor prima di fare le domande e potrai ricevere le previsioni meteo e le condizioni del traffico prima di iniziare la giornata oltre agli aggiornamenti sulle tue squadre preferite e le ultime notizie in tempo reale. Ricerca Google è compatibile con iPhone, iPad e iPod Touch, richiede la versione di iOS 5.0 o successivi ed è localizzata anche in Italiano.



Come impostare i gradi di parentela con Siri – Guida

nov 17th, 2012 | By

Siri è finalmente disponibile anche in Italiano e con questa guida intendiamo mostrarvi come indicare all’assistente vocale di Apple i gradi di parentela con i contatti. Un’interessante funzionalità di Siri è quella di poter impostare i gradi di parentela con i propri contatti per rendere la comunicazione con l’assistente vocale ancor più naturale e dire frasi come  ”Dì a mio fratello di incontrarmi al negozio. ” In questo caso, il messaggio in questione verrebbe inviato al fratello dell’utente, ma lo stesso vale anche per i Promemoria. Vediamo in questa guida come fare ad indicare a Siri i gradi di parentela. Prima di seguire i passaggi è importante prima di tutto aggiungere sé stessi alla lista dei contatti e salvando la scheda relativa. E’ altrettanto importante notare come questa feature funzioni meglio con i contatti sincronizzati su iCloud. Parliamo a questo punto dei veri e propri passaggi da seguire: Aprite l’app Impostazioni del vostro dispositivo ed entrate nella sezione Generali per navigare fino alla scheda chiamata “Siri”; Premete su “Le mio info” e selezionate il proprio contatto dalla lista A questo punto avrete indicato le vostre informazioni di contatto e potrete iniziare ad aggiungere i gradi di parentela: Aprite il profilo del vostro contatto e premete su “Modifica” nell’angolo in alto a destra; Premete sul tasto “+” accanto ad “Aggiungi campo” in fondo allo schermo. Premete su “Persone collegate” dalla lista, specificando successivamente il grado di parentela premendo sul nome accanto al campo; A questo punto, premete sulla freccia blu per selezionare un contatto. E’ possibile inoltre chiedere a Siri stesso di associare ad un contatto già esistente un determinato grado di parentela. Si tratta di una funzionalità particolarmente utile e può essere utilizzata per inviare messaggi , creare promemoria o chiamare tramite Siri. Fonte:  AppAdvice storie correlate Come abilitare il controllo della password su iOS 6 per evitare acquisti In-App non voluti – Noob’s Corner iPhoneItalia Tweak of the Week: il tweak della settimana selezionato dal nostro staff è SwipeBack OpenFeint chiude, lo annuncia la stessa GREE VEVO, video musicali dei più grandi artisti internazionali e tanto altro a portata di iPhone Notifiche in ritardo e Siri che “non risponde” – iPhoneItalia Q&A #119



Un giudice si ritira da una disputa relativa a Siri per conflitto di interessi

ott 25th, 2012 | By

Un giudice della corte distrettuale di New York avrebbe volontariamente abbandonato una disputa che vede coinvolta Apple in merito a Siri per via di un conflitto d’interessi. Stando a quanto riportato nella notizia originariamente segnalata dal sito CNET , il giudice distrettuale di New York Gary Sharpe avrebbe deciso di non presiedere una disputa su un brevetto relativo a Siri a causa di un interesse non specificato verso Apple, invocando quindi il conflitto di interessi. Il giudice Sharpe avrebbe fatto riferimento ad un codice statunitense che obbliga i giudici ad abbandonare un processo qualora la loro parzialità possa essere messa ragionevolmente in discussione; a presiedere sarà quindi il giudice David Hurd. La disputa vede coinvolta Apple, accusata dall’azienda Dynamic Advances di aver violato con il proprio assistente virtuale uno dei suoi brevetti. Fonte:  AppleInsider storie correlate Brevetto Apple: visualizzare lo stato della batteria su iPhone senza accendere il display SmartGlass di Microsoft arriverà su iPhone solo nel 2013 La ITC sentenzia: “Samsung ha violato 4 brevetti Apple”. A rischio la vendita dei Galaxy negli USA! Nuovo spot Samsung contro gli utenti iPhone: “Vi piace piagnucolare” Come controllare separatamente il volume di Siri – Noob’s Corner



TrovaTutto Vocale, online la versione 3.0 – Codici redeem all’interno

set 27th, 2012 | By

Lo sviluppatore Davide Di lecce rilascia su App Store la versione 3.0 di “TrovaTutto Vocale”, ottima app realizzata appositamente per iPhone e che permette di utilizzare una serie di servizi richiamandoli, semplicemente, con la nostra voce. Inoltre, lo sviluppatore ha deciso di regalare dei codici redeem ai quattro utenti più veloci. Affrettatevi! TrovaTutto Vocale Davide Di lecce Categoria: Produttività 0,79 € La nota applicazione TrovaTutto Vocale , realizzata dallo sviluppatore  Davide Di lecce , giunge ora alla versione 3.0 . Si tratta di un ottimo assistente vocale che, grazie all’ultimo upgrade , è anche in grado di parlare. Basato sulla tecnologia Nuance, TrovaTutto Vocale consente di consultare, con la voce, diversi servizi navigando semplicemente tra i menu a disposizione: in alto a destra trovi un elenco di tutti i comandi gestiti dal software, mentre al centro è stato implementato un pulsante.  Per saperne di più, cliccate qui . Di seguito trovate tutte le novità segnalate nella scheda App Store dell’app: Utilizzando questa App potremo realmente interagire con il nostro iPhone, indipendentemente dal modello; in base al suo umore Trova Tutto Vocale ci darà svariate risposte, più o meno divertenti ma sicuramente tutte in stile Apple. Abbiamo migliorato la sezione SMS: per esempio verrà finalmente riletto il messaggio pronunciato, in modo tale da non distrarre dalla guida e la comprensione del testo sarà notevolmente migliorata; la sezione Radio è stata completamente ridisegnata, Aggiunte nuove Utility e corrette altre già utilizzate; miglioramenti grafici importanti e menù ridisegnati e semplificati. Abbiamo inoltre aggiunto sulla Home del programma dei suggerimenti casuali di tutte le sue funzioni. Le novità sono queste e tante altre ancora…le potrete scoprire solo utilizzando il tuo nuovo assistente vocale…  Sarà assolutamente un esperienza unica e il divertimento assicurato. Solo una cosa ancora…non insultatela ripetutamente se siete nervosi, perché potrebbe offendersi! Codidi Redeem: N.B.: Per poter utilizzare correttamente il codice, bisogna prima cancellare l’asterisco (*)! H*P*FEYHXKJRL7 P7TLN*XL*T*E9*7W NKLNA6P9L*6*F*T KR*R*WW**P*N*P*TJE9 Regolamento Contest : Lo sviluppatore dell’app mette in palio  4  codici redeem  con cui potete scaricare gratuitamente TrovaTutto Vocale . Ricordiamo a tutti gli utenti che tali codici sono utilizzabili anche su App Store ITALIA e non è più richiesto avere necessariamente un account USA. Per sapere invece come utilizzare i codici da iTunes oppure da iPhone, leggete qui . Possono partecipare al concorso tutti gli utenti ( registrati e non registrati ) del sito, ad esclusione dei membri della redazione e dei membri dello staff del forum (moderatori). Dopo aver scaricato correttamente l’applicazione in questione, ci farebbe molto piacere se lasciaste un commento indicando il codice che avete utilizzato.  Grazie! Importante : tutti i codici pubblicati sono perfettamente funzionanti. In alcuni casi però, per motivi che non dipendono da noi, potrebbero apparire le voci: “ Il codice inserito non è valido. “ oppure “ L’offeta associata al codice brano è scaduta. “.  Se così fosse, commentate quest’articolo riportando il codice che avete tentato di usare seguito dalla parola “Partecipo”.  Gli utenti più veloci avranno diritto a ricevere un nuovo codice funzionante via mail.  Per questo è importante assicurarsi di fornire un indirizzo email valido e funzionante. Se, invece, dovesse apparire la voce: “ Questo codice è già stato utilizzato. Ogni codice può essere utilizzato solo una volta .”,  NON BISOGNA  commentare l’articolo con la parola “Partecipo”, perché il codice è stato correttamente utilizzato. storie correlate Come rimuovere l’abbinamento di un iPhone da iCloud Arrivano i primi iPhone 5 nei 3 Store italiani: fotografie della confezione e di un iPhone 5 “demo” [AGGIORNATO] Apple pubblica i prezzi ufficiali dell’iPhone 5: si parte da 729 € per il modello da 16 GB! Problema con lo “Slide to answer” che non funziona sempre – iPhoneItalia Q&A #97 Ecco il primo unboxing di un iPhone 5 italiano in anteprima su iPhoneItalia!



Siri, soddisfatti?

mag 22nd, 2012 | By

Siri, l’assistente vocale di Apple, è indiscutibilmente una delle più grandi rivoluzioni applicate su uno smartphone. Nonostante questa fantastica invenzione, della società calforniana, sia incredibilmente funzionale e utile, ci sono persone che non ne sono soddisfatte.Oggi scopriremo quanti ne sono soddisfatti e quanti invece no. Ci sono state…



Fante, un piccolo “Siri” made in Italy disponibile su App Store – La recensione di iPhoneItalia

mag 19th, 2012 | By

Stanchi di aspettare che Siri venga tradotto in italiano? Non avete un iPhone 4S, ma volete comunque provare un assistente virtuale sul vostro dispositivo? Su App Store è disponibile Fante, un progetto tutto italiano che cerca di emulare alcune funzioni di Siri in italiano e su qualsiasi iPhone. Fante Ramadan Dushica Categoria: Utility 0,79 € L’applicazione nasce dall’omonimo progetto già esistente da tempo e che ha come punto di riferimento il sito fante.tk . Su questo sito potete provare alcune funzioni dell’assistente virtuale, ma solo scrivendo il testo e non potendo pronunciare alcuna parola. L’app per iPhone, invece, abilita anche il riconoscimento vocale. Quando lanciamo l’app, la prima cosa da fare è pronunciare la parola “Funzioni” per scoprire che Fante supporta al momento le seguenti domande: Che ore sono? Quanto fa x+y? Ricerca “parola” Chiama “numero” Mia posizione Dove sono? Fare semplici domande, tipo “Come stai?” o “Come ti chiami” Abbiamo provato quindi a fare alcune domande. A tutte risponde correttamente (abbiamo anche chiesto “sei bello?” e Fante ha risposto “sì”), quindi se chiediamo “ricerca cane” verrà aperta la relativa pagina di Wikipedia, mentre se chiediamo quale sia la nostra posizione, questa ci viene mostrata su Google Maps, ma senza mai lasciare l’applicazione. Tutte le risposte, infatti, vengono elencate una dietro l’altra, senza mai dover uscire da Fante. L’unico problema è che spesso, anche per domande semplici, non sempre vengono riconosciute le parole effettivamente pronunciate e il più delle volte sono stato costretto a correggere la frase manualmente. Rispetto a Siri, poi, una volta pronunciata la domanda, questa non viene inviata automaticamente, ma è necessario cliccare manualmente sul tasto Invia. E questo non è molto comodo, visto lo scopo primario di un assistente vocale, quello, cioè, di utilizzare l’iPhone senza dover usare le mani. Insomma, il progetto è molto interessante e merita il nostro appoggio, ma è ancora molto acerbo e deve essere migliorato sotto diversi punti di vista. Non solo aggiungendo nuove possibilità di risposta, ma prima di tutto migliorando l’interfaccia e soprattutto il riconoscimento vocale. In ogni caso, Fante è disponibile su App Store al prezzo di 0,79€ . storie correlate Gravity Fleet: un mix tra Got Cow? e Angry Birds Space CONTEST: vinci 5 codici redeem per iCruciPuzzle Angry Birds Heikki: ai vostri posti, pronti, partenza, via… “Fold To Unlock”, da concept a tweak per dispositivi jailbroken – Video Lista Nera – Il peggio dell’App Store #3



L’assistente vocale Siri di Apple in lingua Italiana grazie a Siri4everyone

apr 28th, 2012 | By

Siri4everyone consente di utilizzare il famoso assistente vocale Siri presente esclusivamente sull’iPhone 4S anche sui device più “vecchi” (iPad 1/2, iPhone 3GS/4, e iPod Touch 4G). Oltre a questo il server è stato modificato così da consentire l’utilizzo di Siri nella lingua italiana, cosa che Apple non ha ancora attuato. Per avere…



Vocal Search: effettuiamo ricerche vocali in italiano direttamente dal nostro iPhone | Recensione iSpazio

mar 30th, 2012 | By

Con l’avvento dell’assistente vocale Siri, implementato sull’ultimo melafonino, sono tanti gli sviluppatori che si sono dati da fare per sviluppare applicazioni che potessero ovviare alla mancanza su vecchi dispositivi. Oggi vi parliamo di Vocal Search,un’ottima applicazione per effettuare ricerche direttamente con l’ausilio della nostra voce. Vocal Search è molto semplice come applicazione ma fa estremamente bene il proprio lavoro. L’interfaccia è minimale e al primo avvio ci verrà richiesto di impostare alcuni parametri, quali lingua, motore di ricerca, ecc. per effettuare le ricerche. Tutti questi parametri saranno ovviamente modificabili dalle impostazioni.   In particolare potremo cambiare lingua, scegliere il motore di ricerca predefinito, scegliere il paese e il motore video. Inoltre possiamo attivare l’utile funzione che permette all’app di rilevare quando terminiamo di parlare. Una volta effettuati i passaggi saremo pronti per effettuare la nostra ricerca vocale. Ci basterà tappare sull’icona col microfono e pronunciare le parole che vogliamo ricercare. Possiamo scegliere diversi motori di ricerca, in base anche al contenuto che preferiamo: Google ™ (o Yahoo! ™in base alle impostazioni attribuite di default) YouTube, Vimeo Dailymotion Twitter Flickr Wikipedia   Vocal Search richiede una connessione di rete (WiFi o 3G/EDGE) per comunicare col server e restituirci una risposta. Ovviamente possiamo ampliare la nostra ricerca con l’utilizzo della tastiera. Il vantaggio è sicuramente la disponibilità del servizio nella nostra lingua, oltre che la velocità con cui il server risponde ai nostri input. Vocal Search è compatibile con iPhone 3GS, iPhone 4, iPhone 4S, iPod Touch (terza generazione), iPod touch (4a generazione) e iPad.Richiede l’iOS 4.0 o successive.



Implementate alcune funzioni di Siri in Canada

mar 13th, 2012 | By

Come da titolo Apple avrebbe implementato alcune funzionalità per Siri in Canada introducendo nuove risposte per le richieste inerenti ad orario e condizioni meteorologiche. A riportarlo è stato iPhoneinCanada , e sembra che l’azienda californiana abbia ‘silenziosamente’ migliorato Siri così da offrire risposte adeguate alle domande proposte dagli utenti come ad esempio “Che ora è?” senza dover necessariamente pronunciare anche il nome del luogo in cui ci si trova, a differenza invece di quanto richiesto in precedenza; le implementazioni sulla localizzazione inoltre hanno permesso all’assistente vocale targato Apple di rispondere a domande sulle condizioni meteorologiche in modo più naturale, come accade con domande ad esempio relative ai venti. Logicamente per un corretto funzionamento gli utenti dovranno aver attivato i servizi di localizzazione sui propri iPhone permettendo a Siri di rilevare la posizione corretta, evitando in tal modo di obbligarli a dover pronunciare ad alta voce insieme alla richiesta anche il nome del luogo interessato. Questa nuova implementazione potrebbe significare un prossimo ulteriore miglioramento sempre relativo ai servizi di localizzazione che permetterebbe di ricercare indirizzi in base alla posizione come accade attualmente negli Stati Uniti, e questo potrebbe non solo essere riferito ai cittadini canadesi, ma anche a tutti gli altri paesi che attualmente sono supportati da Apple attraverso l’assistente vocale, in attesa che tra questi venga finalmente inclusa anche l’Italia. [via]   storie correlate Apple pronta ad abbandonare la cartografia di Google su iOS? Foxconn cerca esperti per migliorare le condizioni dei lavoratori nelle fabbriche Apple NPD: l’iPhone 4S ha motivato l’introduzione del supporto al ’4G’ sul 35% degli smartphone Google aggiorna l’interfaccia mobile di Google+ U.S. FTC cita in giudizio Apple riguardo gli accordi che hanno reso Google il motore di ricerca predefinito di iOS



E’ così che sarà Siri sulla prossima Tv targata Apple? | Humor

mar 10th, 2012 | By

Tanti i rumors che riguardano un televisore completamente prodotto da Apple. Molti di questi prevedono l’utilizzo di Siri , il famoso assistente vocale della mela, integrato direttamente in questo nuovo futuristico dispositivo. Questi ragazzi, tuttavia, sembrano essere piuttosto scettici all’idea. Buona visione Che dire, questo video sembra davvero divertente. Tuttavia sarà certamente capitato a tutti i possessori di iPhone 4S di cimentarsi con l’assistente vocale e ottenere uno di questi risultati. Che i tempi in cui ci sbarazzeremo completamente del nostro telecomando non siano ancora poi così vicini?  Via | iDownloadblog



Siri in Italiano entro quest’anno: Tim Cook risponde ad una email!

mar 9th, 2012 | By

Che fosse un CEO che rispondesse molto di più ai clienti rispetto al vecchio (e sempre eterno) Steve Jobs lo si era capito dai primi giorni in cui aveva impugnato scettro e corona, e oggi arriva anche una bella notizia che ci toglie l’amaro dalla bocca. Durante l’evento di qualche giorno fa, era stato annunciato Altri articoli simili a…




Warning: file_put_contents(/home/iltuoiph/public_html//wp-content/cache/qc-c-ae0516ce021bc648140b9a684c917a09-c2aa9da4c3936b08bce68577a5ccc883-e315154ae8be48ede9171006c65fab6c.53c0194507f1a3.92778357.tmp) [function.file-put-contents]: failed to open stream: Disk quota exceeded in /home/iltuoiph/public_html/wp-content/advanced-cache.php on line 229

Fatal error: Uncaught exception 'Exception' with message 'Quick Cache: failed to write cache file for: `/iphone/tag/assistente-vocale`; possible permissions issue (or race condition), please check your cache directory: `/home/iltuoiph/public_html//wp-content/cache`.' in /home/iltuoiph/public_html/wp-content/advanced-cache.php:233 Stack trace: #0 [internal function]: quick_cache\advanced_cache->output_buffer_callback_handler('<!DOCTYPE html ...', 5) #1 /home/iltuoiph/public_html/wp-includes/functions.php(2773): ob_end_flush() #2 [internal function]: wp_ob_end_flush_all('') #3 /home/iltuoiph/public_html/wp-includes/plugin.php(429): call_user_func_array('wp_ob_end_flush...', Array) #4 /home/iltuoiph/public_html/wp-includes/load.php(580): do_action('shutdown') #5 [internal function]: shutdown_action_hook() #6 {main} thrown in /home/iltuoiph/public_html/wp-content/advanced-cache.php on line 233