Posts Tagged ‘ cloud ’

Local Cloud: visualizziamo e apriamo TUTTI i file presenti sul nostro PC/Mac sul nostro iPhone | iSpazio Review

giu 5th, 2013 | By

L’applicazione che vi proponiamo oggi è Local Cloud e ci permette di accedere a tutti i contenuti presenti sul nostro PC tramite i nostri dispositivi iOS, iPhone o iPad che siano. Le possibilità che offre sono veramente tantissime e ve le mostriamo all’interno dell’articolo. Local Cloud è la nuova applicazione di Delite Studio che permette di trasformare il nostro PC o Mac in un vero e proprio server cloud. Sostanzialmente dà all’utente la possibilità di accedere a tutti i file presenti sul proprio sistema desktop direttamente da iPhone, iPad o iPod touch, come se fosse un account Dropbox. I vantaggi di questo tipo di approccio sono molteplici: Se collegato tramite la stessa rete potremo accedere al nostro PC sfruttando la connettività Wi-Fi , estremamente più veloce rispetto a quella dati in 3G o LTE e gestire in tutta comodità i contenuti dello stesso sui nostri dispositivi iOS. Non ci sono limiti di spazio dal momento che è possibile accedere all’intero contenuto del tuo sistema desktop, così come a cartelle ben specifiche     La sicurezza è garantita dai protocolli di cifratura SSL/TSL e tutte le trasmissioni sono protette da un sistema di autenticazione che logicamente inibisce l’accesso a chi non ne conosce i dati. In altre parole, Local Cloud ci permette di condividere tutti i dati presenti sul nostro PC con i nostri dispositivi iOS , e se questo non fosse ancora sufficiente, integra al suo interno l’intera applicazione File Storage, quindi: Supporto per file compressi ZIP, RAR, 7-ZIP e TAR Supporto per la condivisione su Dropbox Permette di condividere i file anche fra dispositivi iOS Supporta qualsiasi tipo di file, a prescindere dalla sua estensione Permette l’organizzazione dei file in cartelle Il visualizzatore integrato consente di aprire tutti i tipi di file più diffusi, fra cui immagini, video, file Office, file audio o documenti PDF, oltre che gestire le tipologie più diffuse di file compressi.   Local Cloud è un’applicazione pensata principalmente per l’utenza business , per la quale accedere attivamente ai file del proprio PC o Mac può essere una prerogativa indispensabile in talune circostanze: ci potrebbe consentire di affrontare efficacemente l’imbarazzo di una dimenticanza in sala riunioni, o in viaggio per collegarci alla rete VPN aziendale e tutti i dati condivisi nella stessa, anche laddove il dipartimento vieta l’utilizzo di sistemi di cloud. Ma Local Cloud è pensata anche per l’utente comune , visto che può essere utilizzata anche sul divano di casa con il nostro iPhone o iPad per leggere documenti, vedere video o ascoltare i nostri file MP3, il tutto senza doverci sentire costretti a doverli trasferire prima dell’uso . In sostanza potremmo ascoltare i nostri MP3 su iPhone contenuti nel nostro computer, o vedere i nostri film direttamente sul dispositivo senza doverli copiare ogni volta occupando spazio su spazio sul limitato storage del nostro iPhone.     Le prospettive d’utilizzo di un’applicazione simile sono enormi e non è nostro compito vagliarle una per una, ma Local Cloud permette di accedere all’intero hard disk del nostro computer via remoto e questo penso basti per farci un’idea del ventaglio di opportunità offerte. Prima configurazione sul desktop Prima di tutto bisogna installare l’applicazione che fa da server sul nostro sistema desktop. È presente sia la versione per Mac OS X che possiamo trovare gratuitamente sul Mac App Store , che per Windows , che possiamo trovare nella pagina ufficiale di Delite Studio , compatibile anche con Windows 8. Una volta installata possiamo scegliere delle preferenze, se lanciare il server all’avvio del computer, quale cartella condividere con i nostri dispositivi iOS e, logicamente, selezionare un nome utente e password da utilizzare per accedere tramite i nostri dispositivi iOS.   Su Windows, cliccando con il tasto destro sull’icona in basso a destra sulla barra delle applicazioni sarà possibile visualizzare l’indirizzo IP con il quale accedere alla rete Wi-Fi tramite l’app mobile, mentre su Mac OS X è possibile visualizzare il dato partendo dall’icona in alto sulla barra dei menu. Queste operazioni sono da effettuarsi solamente durante la prima esecuzione , dal momento che tutte le volte successive il tutto avverrà automaticamente. Prima configurazione su iPhone o iPad Una volta configurato il nostro server, passiamo al dispositivo iOS. Lanciamo l’applicazione e premiamo sul tasto Impostazioni in alto a sinistra (segnalato da un ingranaggio). Selezioniamo Collega a Local Cloud , attiviamo la funzionalità ed inseriamo l’indirizzo IP del server che abbiamo visualizzato prima ed i dati di accesso che abbiamo scelto nella configurazione su desktop.     Da questo momento potremo accedere dall’applicazione a TUTTI i dati presenti nella cartella condivisa. Oltre alla cartella possiamo condividere interi hard disk e tutti i contenuti presenti sul PC. Questi saranno visualizzati all’interno della stessa struttura a cartelle con la quale li abbiamo salvati. Nel caso di fotografie o immagini, potremo scegliere anche se salvarle sul rullino fotografico del dispositivo. CONSIDERAZIONI FINALI Local Cloud è un’applicazione che con una semplicità disarmante permette di accedere a qualsiasi file contenuto sul nostro PC o Mac tramite i nostri dispositivi iOS. Si basa su un potente tool da installare sui nostri desktop PC/Mac che trasforma questi ultimi in server cloud, liberando l’accesso ai suoi file a tutti i dispositivi iOS. I protocolli di cifratura utilizzati per ogni trasferimento garantiscono la massima sicurezza sui dati contenuti nell’applicazione. Tuttavia, l’applicazione è stata principalmente pensata per soddisfare le esigenze dell’utenza business e quindi il prezzo, sensibilmente elevato rispetto alla media su App Store, è da considerarsi in base a questo assunto. Local Cloud è di fatto una valida soluzione anche in ambiente domestico, permettendo di accedere a tutti i file del nostro sistema desktop sul nostro dispositivo senza nemmeno aver bisogno di trasferirli.     Local Cloud è un’applicazione ben fatta e dalla bella interfaccia grafica, così come le altre creazioni di Delite Studio di cui abbiamo avuto modo di parlare precedentemente. Purtroppo abbiamo verificato numerosi rallentamenti durante la nostra prova, sia in fase di scorrimento delle liste dei file, che nella visualizzazione dei contenuti. Trattandosi della prima versione dell’applicazione, siamo sicuri che questi problemi verranno risolti in tempi brevi. Local Cloud è disponibile su App Store ed è compatibile con iPhone 3GS, iPhone 4, iPhone 4S, iPhone 5, iPod touch (dalla terza generazione in poi) ed iPad. Richiede iOS 5.0 o successivi per il suo corretto funzionamento. Questa app è ottimizzata per iPhone 5.



Amazon Cloud Drive Photos: la nuova applicazione gratuita per mettere al sicuro i nostri scatti!

mag 11th, 2013 | By

Amazon Cloud Drive è l’ottimo servizio di Cloud Storage offerto da Amazon per l’archiviazione di foto, video, documenti e altri file digitali. L’iscrizione al servizio offre 5 GB di spazio gratuito. Da oggi è finalmente disponibile in App Store l’applicazione dedicata, per sincronizzare tutte le foto scattate con i dispositivi iOS.  L’applicazione  Amazon Cloud Drive Foto  è pensata per mettere al sicuro tutte le tue foto scattate con i dispositivi iOS. Una volta scattata la foto con  iPhone, puoi salvarla su Cloud Drive per visualizzarla subito dopo sul tuo computer in modo rapido e semplice. Oppure, carica le tue foto dal computer e visualizzale sul tuo iPhone. Anche se il servizio di Amazon permette di salvare all’interno del nostro spazio qualsiasi tipo di file, al pari di Dropbox o Box, l’applicazione Amazon Cloud Drive Foto si concentra, come suggerisce il nome stesso, solo sulle immagini salvate nel cloud. Ecco in sintesi tutte le funzioni dell’app: Archivia e metti al sicuro migliaia di foto nel tuo spazio personale su Amazon Cloud Drive, ovunque tu sia Proteggi i tuoi ricordi – le foto scattate con il tuo iPhone o iPod Touch saranno salvate automaticamente su Cloud Drive ogni volta che utilizzerai l’applicazione Accedi a tutte le tue foto dal Cloud, anche a quelle che non sono memorizzate sul tuo dispositivo Valorizza le tue foto creando meravigliosi album fotografici su iPhone o iPod Touch Condividi su Facebook, Twitter o via e-mail le foto archiviate sul tuo Cloud Drive Amazon Cloud Drive è compatibile con iPhone 3GS, iPhone 4, iPhone 4S, iPhone 5, iPod Touch (terza generazione), iPod touch (4a generazione), iPod touch (5a generazione) e iPad. Richiede l’iOS 6.0 o successive. Questa app è ottimizzata per iPhone 5.



Rovio Accounts: per salvare e sincronizzare i progressi di gioco su tutti i dispositivi

mag 7th, 2013 | By

Rovio Account è un nuovo servizio in cloud che permette di salvare i progressi dei propri giochi dello sviluppatore per dispositivi mobile anche su internet, in modo che siano compatibili fra dispositivi diversi. Avete superato un livello difficilissimo di Angry Birds su iPad e volete continuare l’avventura sul vostro iPhone mentre siete in giro? Questa possibilità, fin’ora preclusa ai giocatori dei titoli di Rovio, verrà colmata sfruttando le ultime tecnologie in fatto di cloud storage con Rovio Account. I salvataggi ed i progressi su Angry Birds, come su tutti gli altri titoli della software house, saranno immagazzinati su internet nel nostro Rovio Account ed accessibili su più dispositivi di piattaforme diverse. Si tratta di una delle più gravi mancanze dei titoli di Rovio, che finalmente sarà colmata con questo nuovo servizio online. Inizialmente Rovio Account sarà disponibile solo all’interno del gioco The Croods in tutto il mondo, mentre saranno attivi in Finlandia e Polonia per quanto riguarda i titoli della serie Angry Birds, la più famosa della software house. Non sono attualmente disponibili dati riguardo al roll-out mondiale per il resto della produzione di Rovio, anche se si parla di una disponibilità completa entro la fine dell’anno in corso. Come abbiamo già evidenziato, il servizio sarà multi-piattaforma e non solo permetterà di condividere i progressi su iPhone ed iPad, ma anche fra dispositivi concorrenti. Via | MacStories



IvonMusic: il proprio social cloud musicale sempre a portata di iPhone | QuickApp

mag 7th, 2013 | By

IvonMusic è una nuova e bellissima applicazione disponibile da poco in App Store, la quale ti permette di avere il tuo social cloud musicale sempre a portata di mano. Potrete ascoltare moltissimi brani e scoprire ciò che ascoltano i vostri amici. Iscrivendosi ad ivonmusic.com si ha la possibilità di avere tutta la propria musica su Cloud, sempre disponibile da qualsiasi luogo da qualsiasi dispositivo e in qualsiasi momento. I limiti delle memorie dei dispositivi mobili saranno un ricordo e i tempi di sincronizzazione eliminati. Ascolta tutta la tua musica che vuoi senza sincronizzare e occupare spazio sul tuo cellulare. Crea le tue playlist ed ascolta quelle dei tuoi amici o di tutti gli altri utenti. Segui i tuoi amici, senti cosa ascoltano, da dove in diretta LIVE oppure consulta le loro vecchie attività, condividi su facebook e twitter tutta la musica che desideri, chatta e conosci le persone in ascolto attorno a te. Incontrare nuove persone è un gioco da ragazzi. La tua musica, le tue playlist, la musica dei tuoi amici, le playlist dei tuoi amici sono tutte su ivonmusic. Potrai vedere le persone attorno a te potendo seguire i loro movimenti utilizzando la Live Map che ti mostrerà sempre la musica che ti sta accanto. Utilizza la musica come veicolo sociale per conoscere nuove persone. IvonMusic  è disponibile in App Store ed è compatibile con iPhone 3GS, iPhone 4, iPhone 4S, iPhone 5, iPod Touch (terza generazione), iPod touch (4a generazione), iPod touch (5a generazione) e iPad. Richiede l’iOS 5.0 o successive. Questa app è ottimizzata per iPhone 5.



Il Cloud Storage porta in giro la tua musica, i NAS D-Link fanno molto di più.

mag 1st, 2013 | By

Emerge da un’analisi condotta da Strategy Analytics sui servizi di Cloud Storage che quelli più utilizzati sono offerti da Apple (27%), grazie ad iCloud e iTunes Match, Dropbox (17%), Amazon Cloud Drive (15%) e solo al quarto posto Google Drive (10%). Un altro risultato interessante è che il 90% degli utenti Apple, Amazon e Google utilizza il cloud non tanto per sincronizzare i propri dati in rete, ma soprattutto per condividere e accedere in ogni momento alla propria musica. Per Dropbox, servizio di storage puro, privo di offerte a contorno, la percentuale di utilizzo legata alla musica si mantiene comunque al 45%. Il Cloud Storage D-Link può essere considerato l’ evoluzione di questi servizi , perché può fare molto di più che salvare e condividere musica o file. Con gli ShareCenter™ D-Link è, infatti, possibile costruire il proprio blog su WordPress, organizzare le foto con Photo Center, fare lo streaming di film sul televisore passando da Boxee Box by D-Link, Playstation 3 o Xbox 360, pianificare i download tramite Torrent, fare Backup di PC, MAC e smartphone, e molto altro ancora. Questo valore aggiunto è chiaramente percepito dai consumatori, come confermano i dati di vendita dei NAS D-Link in Italia che registrano una crescita anno su anno del 47% nel solo segmento Retail, diventando per D-Link una tra le prime cinque categorie di prodotto più vendute. Il Cloud firmato D-Link è classificabile inoltre come ‘ personal cloud’ perché, pur consentendo l’accesso ai file domestici tramite la rete, garantisce la proprietà esclusiva dei propri file accessibili ovunque in modo sicuro e protetto solo da chi dispone delle credenziali necessarie all’accesso. A differenza dei servizi standard, con i NAS D-Link i dati non sono archiviati su server remoti situati dall’altra parte del mondo, ma restano al sicuro nella propria casa. Creando un account online sul portale mydlink™ Cloud Services è possibile accedere in modo sicuro ai propri file da un qualsiasi dispositivo collegato a internet o da iPhone®, iPad® e smartphone Android™ utilizzando l’ App mydlink™ Access-NAS . Il Cloud Storage DNS-320LW, ShareCenter a 2 baie di D-Link, è la soluzione ideale per gli utenti domestici ed è disponibile presso i migliori rivenditori di elettronica di consumo e r etailer al prezzo consigliato di 99,90€ (iva inclusa).



Microsoft SkyDrive 3.0 disponibile su App Store, malgrado tutto!

apr 3rd, 2013 | By

Microsoft aveva da tempo preparato la versione 3.0 di SkyDrive, visto che l’ultimo aggiornamento risaliva a giugno 2013, ma a causa di alcune divergenze con Apple circa il 30% di revenue da dare all’azienda di Cupertino per ogni abbonamento creato tramite l’app, ci sono stati dei ritardi. Ora tutto sembra risolto (non sappiamo come…) e la versione 3.0 è online. SkyDrive Microsoft Corporation Categoria: Produttività Gratis SkyDrive , servizio offerto direttamente da Microsoft, metterà a nostra disposizione 7GB di spazio di archiviazione in modo del tutto gratuito con un limite di caricamento per ciascun file pari a 100MB. Scaricando l’applicazione ufficiale di SkyDrive potremo accedere e gestire tutti i nostri contenuti archiviati sul cloud storage, come anche quelli condivisi con noi, direttamente da iPhone e, grazie all’ultimo aggiornamento, anche da iPad. Ci sarà consento inoltre di visualizzare i documenti utilizzati di recente, caricare video dal nostro telefono e molto altro. Riepilogando le funzionalità dell’app ufficiale, potremo accedere ai contenuti archiviati su SkyDrive, visualizzare i documenti usati di recente, caricare foto e video, condividere collegamenti a qualsiasi file attraverso un’email e creare cartelle ed eliminare file. L’applicazione ufficiale di SkyDrive è stata da poco aggiornata alla versione 3.0, che va ad aggiungere il supporto per iPhone 5 e iPad mini, la possibilità di scaricare  foto ad alta risoluzione nell’iPhone o nell’iPad e il miglioramento del supporto per l’apertura dei file di SkyDrive in altre app iOS. Questo update migliora anche il supporto per l caricamento di file in SkyDrive da altre app iOS e modifica le icone e gli elementi visivi dell’app. Sono poi stati corretti alcuni bug. SkyDrive potrà essere scaricata in modo completamente gratuito a  questo indirizzo . Il servizio, ricordiamo, è già disponibile per chiunque abbia un account Hotmail, mentre in caso contrario sarà possibile creare un nuovo account direttamente su SkyDrive.com.   storie correlate Llumino: calcolatrice semplice, bella e luminosa Twitter per iOS si aggiorna con l’anteprima delle applicazioni Il social network Moodat si aggiorna Ecco un iPhone economico ispirato all’iMac G3 – Concept Nuovo update per iUni – Segreteria On Line Perugia



Tonido, un nuovo interessante servizio di file sharing per iOS e Mac/PC

feb 6th, 2013 | By

E’ arrivato su Internet un nuovo interessante servizio di file sharing pienamente compatibile con iOS e Mac che consente di accedere ai file presenti sul proprio computer.   Tonido è un nuovo servizio di file sharing realizzato da CodeLathe che consente agli utenti di accedere ai file archiviati sui propri computer da altri dispositivi, con la possibilità di visionare video, ascoltare musica, guardare fotografie e aprire i documenti salvati. Questo interessante servizio è disponibile sia in modo gratuito che attraverso dei piani di abbonamento a pagamento e supporta in modo completamente automatico diversi formati video, tra cui AVI, MP4, MKV, VOB, XVID e WMV , ma una delle sue caratteristiche più apprezzabili riguarda il fatto che i file, essendo archiviati sul proprio computer, non dovranno essere caricati su server pubblici. La versione gratuita di Tonido permette di accedere in remoto senza limiti con la possibilità di aggiungere 5 utenti “ospiti” ad un singolo account e sincronizzare fino a 2GB di dati. La versione Pro, invece, è disponibile da 39$ l’anno e rimuove le restrizioni appena citate della versione gratuita; in quest’ultimo caso, inoltre, il limite di sincronizzazione verrà esteso a 100GB. Chi avrà bisogno di spazio ulteriore, ad esempio dovendo gestire un’azienda, potrà abbonarsi ad un account da 99$ l’anno, ottenendo così un ampliamento dello spazio fino a 200GB. Su App Store è disponibile anche un’applicazione ufficiale per accedere a Tonido dai dispositivi iOS, e mette a disposizione le seguenti funzionalità: Streaming video – Puoi vedere con semplicità i video in streaming dal computer sul tuo dispositivo; Supporto formati video – Converte automaticamente la maggior parte dei formati video (inclusi AVI, MP4, MKV, VOB, XVID, WMV) se stai usando Tonido Desktop su Windows, altrimenti puoi convertire e riprodurre i video in formati compatibili con iOS.; Streaming musica – Ascolta in streaming la tua intera collezione musicale in diversi formati (inclusi FLAC, OGG, WMA, MP3 e altri ancora) senza salvarli in locale sul tuo dispositivo; Accesso remoto ai file – Sfoglia file e documenti, scaricali in locale, modificali e caricali di nuovo; Download per utilizzo offline – Salva documenti e file multimediali in locale in modo da potervi accedere senza bisogno di connessione internet; Condivisione – Condividi i file selezionati, la musica, i file multimediali con utenti ospiti creando link diretti ai file o inviando via email i file stessi; Crea e gestisci le playlist musicali per la tua musica; Visualizza le foto (JPEG, PNG, GIF, CR2, NEF, CRW e altre ancora); Scarica in wireless i file direttamente sul tuo dispositivo iOS e visualizzali offline; Apri i file scaricati utilizzando altre applicazioni installate; Scatta foto e caricale velocemente sul tuo computer Chiunque sia interessato al servizio può visitare il sito ufficiale di Tonido direttamente a questo indirizzo . Il servizio, infine, è compatibile con Mac, PC e Linux; per quanto riguarda le piattaforme mobile, potrà essere utilizzato con iOS, Android, Windows Phone 7.5/8 e BlackBerry. Fonte:  AppAdvice storie correlate Nuovo record per iTunes Store: 25 miliardi di brani venduti Apple rilascia iOS 6.1.1 per gli sviluppatori Zombie Road Trip: ancora una volta a caccia di Zombie I 13 tentativi più sfacciati di imitare Super Mario su iPhone Rugged AR Case: un interessante case per prendere le misure!



Megaupload ritorna con un grande regalo: 50 GB gratis per tutti | iSpazio Review [Aggiornato]

gen 19th, 2013 | By

Come vi avevamo già annunciato , ad un anno esatto dalla chiusura di Megaupload, il suo fondatore soprannominato  Kim Dotcom   ha aperto la strada ad un nuovo servizio cloud. Uscito pochi minuti fa, lo abbiamo testato al volo ed in questa review vi forniamo tutte le nostre impressioni a caldo. Kim Dotcom ha tenuto il conto alla rovescia anche su Twitter e ha voluto che la nascita di Mega avvenisse nell’istante esatto in cui un anno fa veniva chiuso Megaupload . Lo stesso Mister Dotcom ha segnalanto che nei primi 10 minuti dall’apertura sono stati impegnati 10 Gbit di banda, un risultato davvero incredibile. Il sito è completamente rinnovato infatti parliamo di un sito completamente nuovo, da oggi parleremo di Mega. Appena ci colleghiamo sul sito è necessario attendere il primo caricamento, che a causa della congestione di questi primi minuti può essere anche molto lento. Nel mio caso, inizialmente non veniva neppure caricata la nuvoletta. UPLOAD Una volta sul sito non dovremo fare altro che premere il grosso pulsante rosso centrale  con la scritta MEGA e ci verrà chiesto si selezionare il file vogliamo caricare. Davvero un processo semplicissimo! Da notare inoltre lo slogan che nella versione inglese è “BIGGER. BETTER. FASTER. STRONGER. SAFER.” ovvero “più grande…” proprio a sottolineare che è un servizio superiore a vecchio Megaupload. A questo punto, dopo aver accettato i termini e condizioni del servizio, verrà aperta la schermata del programma e potremo gestire gli upload ed il nostro spazio clou d. Il sito è tradotto in tantissime lingue tra le quali anche l’italiano. CREAZIONE ACCOUNT Possiamo anche decidere di creare un nostro account, in questo caso ci vengono offerti ben 50GB di spazio GRATIS , niente male per un servizio cloud soprattuto se consideriamo che è destinato a diffondersi tantissimo. Per chi ha paura che segua il destino del suo predecessore Megaupload, Mister Dotcom afferma che è inattaccabile dal punto di vista legale. Per creare l’account è sufficiente cliccare su “Registrazione”, inserire la propri mail e seguire i pochi semplici passaggi. È possibile anche sottoscrivere uno dei piano a pagamento: 9,99 € al mese per 500 GB si spazio ed 1 TB di banda 19,99 € al mese per 2 TB di spazio e 4 TB di banda 29,99 € al mese per 4 TB di spazio e 8 TB di banda Quindi nel caso dell’account gratuito, immaginiamo che la banda sia inferiore ad 1 TB, lo segnaleremo appena lo scopriremo. Il prezzo è davvero molto competitivo, per darvi un’idea il servizio cloud DropBox PRO offre 500 GB al prezzo di 49,99 $ al mese oppure 499 $ per 1 anno. Una volta registrati scopriamo che è stato messo in atto un interessante sistema per crittografare le nostre informazioni che si basa sui movimenti casuali del nostro mouse. Come possiamo notare da questa schermata, l’interfaccia si compone di una zona inferiore dove troviamo i nostri file in upload, mentre nella zona superiore troviamo a sinistra il file manager e nella zona centrale tutti i file (stiamo ancora provando a caricare qualche file). Per caricare un file oppure una cartella è sufficiente premere i pulsanti in alto. IMPOSTAZIONI ACCOUNT All’interno delle impostazioni del nostro account possiamo vedere il tipo di account che abbiamo, nel nostro caso è quello base gratuito quindi ci chiede se vogliamo “aggiornarlo” con uno a pagamento. Lo spazio libero a disposizione ci viene mostrato con un simpatico grafico. Mega permette di avviare l’upload anche di più file contemporaneamente, nelle impostazioni di trasferimento potremo device il numero massimo di upload e download contemporanei e se vogliamo impostare un limite di velocità per evitare di consumare tutta la nostra banda internet. Una funzione interessante è la possibilità di evitare di caricare più volte lo stesso file. Possiamo anche decidere di disattivare la sicurezza Socket Layer, ovvero SSL, per aumentare le prestazioni rinunciando ad un collegamento protetto con il server. Nelle sezione “Cronologia Sessioni” del nostro account possiamo visualizzare anche gli IP delle nostre connessioni e questo è sinonimo di sicurezza. Il nostro giudizio per ora non può essere che positivo, ma manca ancora la valutazione sul fattore più importante, ovvero la velocità di caricamento, che potremo quantificare solo dopo che la congestione iniziale si sfumerà. Inoltre stiamo parliamo di un servizio ancora nella fase beta, quindi è ancora presto per valutazioni definitive. Sembrerebbe che per ora funzioni solo con il browser Google Chrome, se volete provarlo vi basterà recarvi a questo indirizzo  https://mega.co.nz/ Aggiornamento : Adesso funziona anche su Safari (grazie a David C. del commento)



Mega, il successore di MegaUpload, uscirà il 20 gennaio con 50GB di storage gratuito a tutti gli utenti!

gen 18th, 2013 | By

Mega sarà lanciato sul web il 20 gennaio 2013 . Kim Dotcom , folkloristico creatore di MegaUpload e MegaVideo aveva annunciato di ricreare il servizio di storage sfruttando sistemi di sicurezza migliori rispetto al passato. La chicca? Regalerà 50GB di storage a tutti gli utenti che si registreranno al servizio! Chi si ricorda di MegaUpload e della triste fine che ha fatto, portando con sé nell’oblio anche MegaVideo ? Il suo “atipico” fondatore aveva annunciato qualche mese fa il ritorno del servizio di storage in maniera roboante con il nome di Mega e sistemi di criptatura dei file più efficienti in modo da aggirare ulteriori problemi legali. Tale servizio verrà lanciato fra due giorni, esattamente il 20 gennaio prossimo, e tutti gli utenti avranno a disposizione ben 50GB di spazio gratuito , stracciando sul nascere concorrenze ben più blasonate come Google Drive e Dropbox . La notizia è stata annunciata dallo stesso Kim Dotcom , uno dei personaggi più ambigui della storia dell’informatica, attraverso un tweet su Twitter, evidenziando la generosa offerta dello storage gratuito . Gran parte del lavoro è stato strutturato sul fronte della sicurezza: Mega , ci assicura il suo creatore, è inattaccabile sotto ogni punto di vista legale e non farà la stessa fine di MegaUpload e MegaVideo. #Mega will have very generous limits for free users. For example you get 50GB storage for free — Kim Dotcom (@KimDotcom) Gennaio 17, 2013   Nonostante ciò Kim Dotcom deve ancora affrontare il processo per la chiusura dei precedenti servizi di storage negli Stati Uniti. Inoltre la vantaggiosa offerta è giustificabile dal fatto che moltissimi utenti si sono visti impossibilitati dall’accedere ai propri file (legali) da un giorno all’altro all’interno di MegaUpload , sospettando un futuro incerto anche riguardo al prossimo servizio di storage, Mega . Che voglia di nuovo invogliare i vecchi utenti ad utilizzare il suo nuovo servizio? Di certo 50GB di storage via cloud in forma gratuita farebbero gola a tutti, e voi, sfrutterete l’opportunità concessa da Mega?  



Nuance annuncia una valida alternativa a Siri e Google Now, sfruttando un sistema cross-platform

gen 11th, 2013 | By

Nuance ha presentato Wintermute , un progetto su una nuova tipologia di assistente virtuale cross-platform, utilizzabile cioè in cloud tramite dispositivi di differente piattaforma. Nuance è la società che sta dietro Dragon Dictate , l’App su iOS (e non solo) che permetteva l’utilizzo della dettatura vocale quando ancora questa non era supportata sui dispositivi di Cupertino. Nelle scorse ore ha presentato un assistente vocale che potrà dare del filo da torcere ai più classici Siri e Google Now. Wintermute è un sistema cross-platform basato sul cloud che permetterà di utilizzare tutti i nostri dispositivi con un unico assistente vocale, incrociando le operazioni fra i vari terminali. Le operazioni, a detta di Nuance, potranno essere iniziate su un dispositivo, e terminate su un altro, rendendo possibile conversazioni con dispositivi multipli. Un esempio pratico dell’utilizzo di Wintermute potrebbe essere l’ascolto di un brano in macchina su un dispositivo. Il nuovo progetto di Nuance ci permette di continuare l’ascolto della canzone su un altro dispositivo , ad esempio un computer, una volta che saremo arrivati a casa. Grazie al cloud, Wintermute riconosce il brano automaticamente e senza comandi da parte dell’utente verrà riprodotto in un altro dispositivo nel momento in cui lo avevamo lasciato. Wintermute sarà disponibile su tutte le piattaforme, ed anche con gli Smart TV. Via | TheNextWeb



Come personalizzare il logo operatore senza Jailbreak con Mac | Guida iSpazio

gen 5th, 2013 | By

Fino a circa un anno fa, tra gli utenti che effettuavano il Jailbreak del proprio dispositivo dilagava la moda di modificare i loghi operatore, sostituendoli con immagini colorate o con dei simboli. Ora questa pratica potrà diffondersi anche tra gli utenti che non hanno effettuato il Jailbreak, dal momento che è stato rilasciato un programma apposito per Mac in grado di  personalizzare il logo operatore  del nostro iPhone! Requisiti: iPhone 5 o iPad cellular (non funziona con modello WI-Fi) iOS 6 senza Jailbreak Mac con OS X 10.7 o superiore Conoscere la versione dell’operatore (vedi punto 4 della guida) L’applicazione CarrierEditor Note: There is a file embedded within this post, please visit this post to download the file. Procedura La procedura si compone di due fasi: prima dobbiamo creare il nostro logo personalizzato e poi dobbiamo installarlo sul dispositivo tramite iTunes. Creazione logo personalizzato 1.  Scaricate l’applicazione CarrierEditor  2.  Aprite l’archivio scaricato CarrierEditor 1.0.5.dmg  e avviate il file CarrierEditor   3.  Selezionate il pulsante Let’s Get Started 4.  Inserite il numero che fa riferimento alla versione del vostro operatore e cliccare su Next . Per recuperare questa informazione dall’iPhone, con la SIM inserita, andate in Impostazioni/Generali/Info ; il valore che dovete inserire in CarrierEditor è solo il numero che compare dopo il nome dell’operatore (vedi immagine)    5.   Dai menu a tendina, selezionate il vostro dispositivo e il vostro operatore e cliccate su Next   6.  Comparirà la schermata Customization , con due riquadri dove trasportare il nuovo logo operatore. Bisogna inserire un logo “black/white”, per quando la barra di stato è nera, e un logo “etched” per quando la status bar è azzurra. All’interno dell’archivio (scaricato al punto 1) troverete la cartella ZeppelinLogos con 10 loghi da poter usare e in ogni cartella ci sono 2 immagini: quella col nome “black” da mettere nel primo riquadro e quella col come “etched” da mettere nel secondo. 7.   A questo punto cliccate su Compile Carrier Update (.ipcc) e la creazione del logo è terminata 8.  Troverete sul Desktop 2 file, ad esempio: “Vodafone_it_ v13.2 .ipcc” (in questo esempio è V13.2 ma a voi sarà diverso) contiene il logo personalizzato appena creato “Vodafone_it_ original .ipcc” contiene il logo originale Installazione logo sul dispositivo 9.   Collegate il dispositivo al Mac, avviate iTunes ed entrate nella schermata del dispositivo. Tenendo premuto il tasto “Alt” cliccate su “Ripristina iPhone…” (oppure “Ripristina iPad…”) 10. Selezionate il file .ipcc creato in precedenza, che trovate sul Desktop (se volete ripristinare il logo originale usate il file “… original.ipcc”) 11. Troverete il nuovo logo sull’iPhone immediatamente, oppure in alcuni casi è necessario riavviare il dispositivo   Il software non farà nient’altro che sostituire il file .ipcc che contiene le informazioni circa il vostro operatore telefonico. Potete poi eliminare i loghi persolizzati e tornare al nome dell’operatore originale in qualsiasi momento, ripetendo i punti 7 e 8 e scegliendo il file .ipcc originale che sarà comparso sul vostro desktop. Se anche dopo un riavvio il logo rimane e non riuscite a tornare alla scritta dell’operatore, create un logo inserendo una versione di operatore minore (ad esempio nel mio caso ho scritto 11 anzichè 13) e caricatelo nell’iPhone. Dopo un riavvio, l’iPhone scaricherà automaticamente la versione aggiornata del file .ipcc ed avrete il logo dell’operatore classico.



Un nuovo annuncio di lavoro suggerisce l’interesse di Apple nell’editing di documenti iWork “sul cloud”

nov 6th, 2012 | By

Secondo un nuovo annuncio di lavoro Apple potrebbe essere interessata alla possibilità di editare documenti iWork sul cloud. Come da titolo Apple potrebbe essere interessata a portare l’editing di documenti iWork “sul cloud”, come suggerito da un nuovo annuncio di lavoro in cui la compagnia ricerca un “iWork Software QA Engineer” sul proprio sito web . Il candidato in questione, secondo il suddetto annuncio, si troverà a lavorare “sui servizi/web app di prossima generazione per Desktop e Mobile.” Proprio l’interesse per le web app potrebbe riguardare la volontà di Apple di permettere ai propri utenti di creare e modificare documenti Pages, Numbers o Keynote direttamente da un browser. Attualmente iWork fa parte di iCloud ma le funzionalità risultano limitate. E’ possibile sincronizzare documenti tra Mac ed iOS, ma il browser consente unicamente di visualizzarli, senza editarli liberamente. Una feature simile permetterebbe all’azienda di offrire un servizio più simile a OFfice 365 e Google Docs, offrendo agli utenti maggiore libertà per quanto riguarda la gestione di documenti “ sul cloud”.  Fonte:  Cult of Mac storie correlate Nitrome Touchy: trasforma l’iPhone in un controller per giochi flash Sharp cerca investimenti da Apple per evitare il fallimento? Google poco ottimista circa l’approvazione di Maps su App Store




Warning: file_put_contents(/home/iltuoiph/public_html//wp-content/cache/qc-c-903dd69f77acec0562e971a1a49fa367-9dbd52f44527a329de56491384068d56-e315154ae8be48ede9171006c65fab6c.53c2915b64a7a0.23768661.tmp) [function.file-put-contents]: failed to open stream: Disk quota exceeded in /home/iltuoiph/public_html/wp-content/advanced-cache.php on line 229

Fatal error: Uncaught exception 'Exception' with message 'Quick Cache: failed to write cache file for: `/iphone/tag/cloud`; possible permissions issue (or race condition), please check your cache directory: `/home/iltuoiph/public_html//wp-content/cache`.' in /home/iltuoiph/public_html/wp-content/advanced-cache.php:233 Stack trace: #0 [internal function]: quick_cache\advanced_cache->output_buffer_callback_handler('<!DOCTYPE html ...', 5) #1 /home/iltuoiph/public_html/wp-includes/functions.php(2773): ob_end_flush() #2 [internal function]: wp_ob_end_flush_all('') #3 /home/iltuoiph/public_html/wp-includes/plugin.php(429): call_user_func_array('wp_ob_end_flush...', Array) #4 /home/iltuoiph/public_html/wp-includes/load.php(580): do_action('shutdown') #5 [internal function]: shutdown_action_hook() #6 {main} thrown in /home/iltuoiph/public_html/wp-content/advanced-cache.php on line 233