Posts Tagged ‘ risolvere ’

Problemi con Google Now e l’autonomia del vostro iPhone? Ecco come risolverli rapidamente

mag 10th, 2013 | By

Sempre più utenti stanno lamentando degli incresciosi problemi d’autonomia in relazione all’utilizzo di Google Now. La società ha smentito: la colpa non è dell’app, ma i problemi continuano e l’unica soluzione che abbiamo trovato al problema è usando le maniere forti. Vediamola nel dettaglio all’interno dell’articolo. Google Now ha un impatto pesantissimo sull’autonomia degli iPhone, almeno lo ha per molti utenti che ne hanno lamentato il problema dal giorno della diffusione su App Store. Google ha rapidamente smentito la notizia, rifiutandosi di ammettere la responsabilità della propria applicazione. Questa, sostanzialmente, utilizza in maniera impropria il modulo GPS del proprio dispositivo, segnalato dall’icona in alto nella barra di stato. La società ammette di utilizzare solamente il modulo Wi-Fi e non quello GPS per la geolocalizzazione, che ha un impatto sulla batteria decisamente meno marcato, ma i problemi per molti utenti restano e sono risolvibili solamente disabilitando la geolocalizzazione limitatamente all’applicazione di Google Search. Ecco come fare in pochi semplici passaggi: Aprire l’app Impostazioni del dispositivo Scorrere in basso e selezionare Privacy Se avete la Localizzazione attiva, andate su Google e deselezionate la voce   In questo modo l’icona in alto sulla barra di stato scomparirà ed il dispositivo non farà costantemente uso dei vari moduli del telefono per la geolocalizzazione, risparmiando in maniera consistente l’autonomia del vostro dispositivo. Sembra che il problema sia dovuto a un bug di programmazione e bisogna attendere un aggiornamento da parte dello sviluppatore per poter riattivare l’interessante funzione. Ringraziamo il nostro utente Davide Marletta per la soluzione del problema.  



Problema con modalità Safe Mode quando si cancellano le app su iPhone jailbroken – iPhoneItalia Q&A #167

mar 19th, 2013 | By

Continuano gli appuntamenti con “ iPhoneItalia Q&A ”, la rubrica interattiva dedicata a tutti i nostri lettori. Ricordiamo che “ iPhoneItalia Q&A ” nasce con l’intento di diventare un piccolo spazio riservato ai lettori del nostro blog, i quali potranno inviarci domande, dubbi o semplici curiosità che potranno essere condivise con l’intera community del sito. La domanda di oggi ci viene posta dal nostro utente Luca: Buongiorno a tutti. Espongo un piccolo problema che riscontro dopo aver installato il jb sul iPhone 4 con versione IOS 6.1.2. Quando tento di rimuovere qualsiasi programma installato, ovvero tenendo premuto l’icona e successivamente premendo sulla x, il telefono si resetta ed entra in safety mode. Il programma non viene rimosso e, solo nello stato di safety mode, è possibile farlo. Volevo sapere se è un bug che è stato già segnalato e se, magari, esiste una soluzione. Grazie Luca Randi Ciao Luca. Il tuo problema – entrata in Safe Mode inaspettata – è sicuramente causato dalla presenza di una incompatibilità software causata da tweak che vanno in conflitto tra loro o che non sono perfettamente compatibili con iOS 6.1.2. Supponiamo che tu stia tentando di rimuovere applicazioni “native” e non app scaricate da Cydia, dato che in quel caso ci potrebbe essere un problema con i tweak che permettono di fare quanto detto direttamente dalla Home (e non tramite Cydia) utilizzando sempre la classica “X” nera. Ad ogni modo, non sapendo cosa hai installato sul tuo iPhone, ti suggeriamo di approfittare della modalità “Safe” per aprire Cydia e rimuovere gli ultimi pacchetti installati. Sfortunatamente, al momento, Cydia non prevede una sezione “Ultimi pacchetti installati” e quindi, per capire quale dei tweak sia all’origine del problema, dovrai andare per tentativi. Se invece hai fretta di risolvere e sei disposto a perdere tutti i pacchetti, una eliminazione del pacchetto “MobileSubstrate” dovrebbe risolvere il problema. P artecipare ad “iPhoneItalia Q&A” è molto semplice: basta inviare una mail a  segnala@iphoneitalia.com , inserendo nel campo oggetto la voce “iPhoneItalia Q&A”. Tutti i messaggi che ci invierete verranno attentamente selezionati e quelli più interessanti saranno condivisi in maniera propositiva su iPhoneItalia. Nota : visto l’elevato numero di email ricevute, assicuriamo una risposta alle vostre domande entro 1-2 settimane, in modo tale da fornire un’assistenza puntuale a tutti i nostri lettori. storie correlate Cina: l’attacco mediatico contro Apple si ritorce contro gli organizzatori Google Flight Search arriva anche in Italia Apple brevetta un sistema che fornisce informazioni sugli oggetti inquadrati dalla fotocamera iPhoneItalia intervista Andreas Lieber di Groupon Mobile: “Groupon Now – ora Nearby Deals – arriverà presto anche in Italia!” Beewi presenta Kick Bee, il nuovo gioco Bluetooth per tablet e smartphone Apple



Guida passo passo per ripristinare l’applicazione Meteo dopo il Jailbreak | Guida iSpazio

feb 5th, 2013 | By

Tutti o quasi hanno riscontrato il problema legato all’applicazione Meteo dopo il Jailbreak. Pod2g ha offerto un sistema per risolvere subito il problema, ma bisogna essere esperti, noi l’abbiamo testo per voi e adesso vi forniamo una guida passo passo per permettere anche a voi ri ripristinare il funzionamento dell’app Meteo. Vi abbiamo avvisati che sarà presto disponibile un pacchetto su Cydia che vi permetterà di risolvere facilmente il problema legato all’app Meteo. Se invece siete impazienti potete eseguire lo script scritto da pod2g nel suo blog, rivolto solo agli utenti esperti. Se siete impazienti, ma non siete tanto esperti, potete seguire questa nostra guida in cui vi illustreremo tutti i singoli passaggi. Come sempre vi consigliamo di leggere prima tutta la guida e se avete dubbi rileggetela anche più volte e solo dopo valutate se metterla in pratica. premessa: tutti i passaggi vanno eseguiti dall’iPhone. 1. Aprite Cydia e cercate MobileTeminal  scritto tutto attaccato ed installatelo. Attenzione NON installate MobileTerminal (obsolete) 2. Una volta installato entrate in questo articolo tramite la nostra applicazione e selezionate il testo che trovate di seguito. Se dovessero verificarsi dei problemi a causa delle formattazione copiate il testo direttamente  dal blog di pod2g . (Io l’ho copiato dalla push app di iSpazio e non ho avuto problemi) #!/bin/bash chmod -x /usr/libexec/mobile_installation_proxy killall -9 mobile_installation_proxy rm /var/mobile/Library/Caches/com.apple.mobile.installation.plist /var/mobile/Library/Caches/com.apple.LaunchServices-045.csstore launchctl stop com.apple.mobile.installd launchctl start com.apple.mobile.installd while [ ! -f /var/mobile/Library/Caches/com.apple.mobile.installation.plist ]; do sleep 1 done while [ ! -f /var/mobile/Library/Caches/com.apple.LaunchServices-045.csstore ]; do sleep 1 done sleep 10 chmod +x /usr/libexec/mobile_installation_proxy sync reboot 3. Aprite l’applicazione Terminal che avete installato. Vi ritroverete di fronte ad una schermata nera nella quale è possibile solo digitare del testo. Non possiamo incollare il testo direttamente qui, quindi useremo uno stratagemma 4. Clicchiamo sull’iconcina tonda (i) e poi su “Shortcut Menu” ed infine su (+) 5. A questo punto possiamo creare una scorciatoia per poi incollare il testo nel terminale. Dove compare “Menu Label” inserite un nome qualsiasi, per esempio iSpazio. Nel riquadro grande “Shortcut Action:” incollate il testo che avete copiato in precedenza (è sufficiente un doppio tap per far uscire l’opzione “incolla”) 6. Premiamo “Done” e torniamo indietro. 7. Ci ritroviamo nella schermata nera. Digitiamo “login root” senza virgolette. Diamo invio e ci verrà chiesta la password, inseriamo “alpine” senza virgolette e diamo di nuovo invio.   8. A questo punto possiamo inserire tutto lo script: con un tap sulla freccia presente a sinistra si aprirà il menu a tendina con le scorciatoie, selezioniamo quella creata in precedenza, nel nostro caso “iSpazio”, che verrà inserita in automatico.   9. Ora non ci resta che attendere il completamento delle operazioni. Al termine l’iPhone dovrebbe riavviarsi. Se non si riavvia dopo circa 2 minuti, allora uscite dall’applicazione premendo il tasto home e dovrebbe riavviarsi da solo. 10. Dopo il riavvio l’applicazione Meteo funzionerà di nuovo. D: Non succede nulla / l’iPhone non si riavvia. Cosa devo fare? R1: Controlla di aver seguito tutti i passi, in particolare l’inserimento della password (vedi punto 7) R2: Se il testo che ti compare nel terminale è diverso da quello delle immagini di questo articolo, prova a copiare lo script direttamente  dal blog di pod2g R3: Se dopo aver inserito il testo ed avviato il processo l’iPhone non si riavvia, controlla che le ultime parole che compaiono siano “root# ebooot”, in questo caso esci dall’applicazione ed attendi il riavvio per qualche secondo. Se non accade nulla riavvia manualmente. Se continua a non funzionare, applica di nuovo la guida da zero. D: Durante il riavvio l’iPhone sembra essere bloccato sulla mela. Cosa devo fare? R: Si tratta dell’altro problema del Jailbreak, per il quale è in corso l’aggiornamento. Nell’attesa ti tocca aspettare molto tempo e poi l’iPhone si accenderà. Se dopo 5 minuti ancora non si è acceso, esegui un riavvio forzato: premi contemporaneamente tasto home e tasto power per 10 secondi. D: Ho provato più volte e non riesco a far funzionare l’applicazione Meteo. Mi devo arrendere? R: SI. Per quanto noi l’abbiamo semplificato, è un processo per esperti, se nel tuo caso non funziona, desisti ed attendi il pacchetto che sarà presto pubblicato su Cydia.



Come correggere il problema com l’app Meteo dopo il jailbreak con Evasi0n

feb 5th, 2013 | By

In attesa di una soluzione più semplice che, probabilmente, arriverà presto su Cydia e sul sito degli Evad3rs, Pod2G ha comunicato una soluzione per utenti esperti che permette di ovviare sin da ora al problema che si verifica, solo in alcuni casi, all’avvio dell’applicazione Meteo di iOS dopo il jailbreak con Evasi0n. A seguire abbiamo cercato di semplificare il più possibile la procedura per consentire a tutti voi di correggere questo fastidioso problema. Vediamo quindi come procedere per risolvere il crash dell’applicazione Meteo dopo il jailbreak con Evasi0n, qualora questo problema dovesse interessare il vostro dispositivo. 1. Per prima cosa, se non l’avete già scaricato ed installato in precedenza, aprite Cydia ed eseguite il download di Mobile Terminal, programma che useremo per impartire una serie di comandi all’iPhone. 2.  Accedete a questo articolo da Mobile Safari sul vostro dispositivo e copiate l’intero comando che trovate di seguito ( nota importante : per motivi tecnici legati alla formattazione degli articoli, il codice incorporato sulle nostre pagine potrebbe non funzionare. Se così fosse, prelevatelo dal sito ufficiale di Pod2G ): #!/bin/bash chmod -x /usr/libexec/mobile_installation_proxy killall -9 mobile_installation_proxy rm /var/mobile/Library/Caches/com.apple.mobile.installation.plist /var/mobile/Library/Caches/com.apple.LaunchServices-045.csstore launchctl stop com.apple.mobile.installd launchctl start com.apple.mobile.installd while [ ! -f /var/mobile/Library/Caches/com.apple.mobile.installation.plist ]; do sleep 1 done while [ ! -f /var/mobile/Library/Caches/com.apple.LaunchServices-045.csstore ]; do sleep 1 done sleep 10 chmod +x /usr/libexec/mobile_installation_proxy sync reboot 3.  Adesso dovremo inserire questo comando in Mobile Terminal. Sfortunatamente il programma non permette di incollare automaticamente il testo copiato nella shell, quindi dovremo utilizzare un piccolo trucchetto. Aprite quindi Mobile Terminal, premete sul pulsante delle informazioni ed entrate nel menu delle scorciatoie. Potrete ora incollare lo script che avete copiato in precedenza e creare una nuova scorciatoia a cui potrete dare un nome qualsiasi. 4. Aprite Mobile Safari ed eseguite il login come root. Digitate “login root” e la password di default (alpine) o quella che avete eventualmente inserito voi al posto di quest’ultima. 5. A questo punto aprite il menu delle scorciatoie (lo trovate sulla sinistra) e selezionate la scorciatoia creata in precedenza che fa riferimento allo script prelevato dall’articolo che state leggendo. 6. Lasciate quindi che lo script faccia il suo lavoro e non toccate più l’iPhone/iPad per qualche istante. Il terminale sarà riavviato in automatico una volta completata l’operazione. Terminato il riavvio, l’applicazione Meteo dovrebbe funzionare correttamente. Via – Pod2G storie correlate Apple intende rendere Siri un “OS dentro un OS” Apple aggiorna il suo documento contro il Jailbreak Krashlander: Ski Safari incontra Angry Birds I migliori tweak per iPhone già compatibili con iOS 6 – IN AGGIORNAMENTO Ufficialmente interrotto lo sviluppo di Super Meat Boy per iPhone



Risolto il problema dell’applicazione Meteo causato dal Jailbreak

feb 5th, 2013 | By

Dopo aver eseguito il Jailbreak tutti gli utenti hanno riscontrato un problema con l’applicazione Meteo. pod2g ha appena comunicato un sistema per risolverlo, ma è solo per utenti esperti, mentre presto tutti potranno risolvere questo inconveniente semplicemente installando un pacchetto da Cydia. evasi0n – il tool del team evad3rs per effettuare il Jailbreak su iPhone 5 e tutti i dispositivi con iOS 6- è stato rilasciato ieri ed a differenza dei tool rilasciati negli anni precedenti, si è dimostrato subito molto efficace, infatti non è stato neppure necessario rilasciare aggiornamenti. Ciò nonostante, tutti gli utenti hanno riscontrato questo piccolo problemino: l’applicazione Meteo non viene aperta. Lo definisco “piccolo problemino”, perché in realtà non compromette la buona riuscita del Jailbreak, l’installazione di Cydia o l’installazione di applicazioni e tweak; inoltre tutte le altre funzioni dell’iPhone non sono compromesse, ma semplicemente questa applicazione che troviamo di base su iOS, non si apre. Se state cercando un’applicazione Meteo alternativa, nell’attesa di risolvere questo problema, consigliamo “Il Meteo”. Gli hacker hanno fatto sapere che sono all’opera per risolvere questo problema, mentre nel frattempo  pod2g ha pubblicato sul suo blog una soluzione, dedicata però solo agli utenti più esperti. Si tratta di uno script che forza la ricostruzione del file “com.apple.mobile.installation.plist” e che dovrebbe risolvere questo problema. Lo stesso pod2g fa sapere che presto verrà rilasciato su Cydia un pacchetto che permetterà a tutti gli utenti, anche quelli meno esperti, di risolvere l’inconveniente che vi stiamo segnalando. L’hacker specifica che la procedura ancora non è stata testata a sufficienza, ma non dovrebbe dare problemi, in ogni caso prima di eseguire lo script è consigliabile fare un backup. Di seguito vi riportiamo lo script, ma seguendo la condotta di pod2g, non spiegheremo la procedura per utilizzarlo, ben nota agli utenti esperti, per evitare che utenti meno esperti si cimentino anziché aspettare il pacchetto su Cydia. #!/bin/bash chmod -x /usr/libexec/mobile_installation_proxy killall -9 mobile_installation_proxy rm /var/mobile/Library/Caches/com.apple.mobile.installation.plist /var/mobile/Library/Caches/com.apple.LaunchServices-045.csstore launchctl stop com.apple.mobile.installd launchctl start com.apple.mobile.installd while [ ! -f /var/mobile/Library/Caches/com.apple.mobile.installation.plist ]; do sleep 1 done while [ ! -f /var/mobile/Library/Caches/com.apple.LaunchServices-045.csstore ]; do sleep 1 done sleep 10 chmod +x /usr/libexec/mobile_installation_proxy sync reboot Questo legato all’applicazione meteo è l’unico problema che è stato riscontrato da tutti. Tutti gli altri problemi nella maggior parte dei casi si risolvono con un riavvio forzato, ovvero premendo contemporaneamente per 10 secondi il tasto power ed il tasto home. Seguiteci su facebook per avere altri suggerimenti Se avete bisogno di supporto, su  http://genius.ispazio.net/  trovate una community di amici pronta ad aiutarvi! Per ridurre al minimo il rischio di problemi seguite tutti i consigli della nostra guida che trovate > > QUI QUI



Il Cubo di Rubik e un’app che contiene una guida per risolverlo

gen 26th, 2013 | By

Se il Cubo di Rubick non vi fa dormire la notte arriva in AppStore l’applicazione adatta per risolverlo. Grazie a questa applicazione e alla sua guida risolvere il Cubo di Rubick diventerà addirittura “semplice”. Il Cubo di Rubik – La guida per risolverlo Riccardo Danzo Categoria: Riferimento 0,89 € Cubo di Rubick è un’applicazione estremamente essenziale che non spicca di certo per un’interfaccia ricercata  ma che fa quel che promette. Ci aiuta a risolvere il cubo di Rubick. Sostanzialmente la risoluzione del malefico giochino è suddivisa in quattro step ognuno dei quali offre una rapida spiegazione testuale e un completo filmato spiegato in maniera molto esaustiva e semplice tutti i passi da compiere per risolvere il famoso Cubo. Cubo di Rubick è un’app universale, compatibile con iPhone 5 e iPad con retina display (non che ne fosse davvero bisogno) ed è disponibile su AppStore a 0.89€ . storie correlate Gesundheit ritorna su App Store ed è gratuito Total Recall Game in offerta gratuita per 24 ore “iPhoneItalia App Store 2012: The Best of”: le 5 migliori applicazioni della categoria “Meteorologia” HeadshotsAlley, un nuovo divertente retro shooter Nuovo update per iCarConnect, l’app che trasforma l’iPhone in un centro multimediale per l’auto



Come correggere il problema dei brani “grigi” e non riproducibili su iPhone – Guida

gen 7th, 2013 | By

Se anche voi avete notato la presenza di brani “grigi” e non riproducibili all’interno dell’applicazione Musica del vostro iPhone, in questo articolo andiamo a spiegarvi come correggere questo fastidioso problema. Avete mai sincronizzato un nuovo album o podcast sul vostro iPhone o iPad per poi aprire l’app Musica e scoprire che alcuni dei brani sono “grigi” e non riproducibili? L’album c’è, i titoli delle canzoni anche, ma non è possibile avviarne la riproduzione perché i pulsanti sono disattivi. Se anche a voi è capitato un problema di questo tipo, sappiate che è piuttosto diffuso e anche molto semplice da risolvere, dato che non è sintomo di problemi con iTunes o i dispositivi interessati, bensì di un banale errore di sincronizzazione. A seguire trovate le indicazioni da seguire per correggere il problema esplicitato in precedenza. Step 1. Per prima cosa, riaprite iTunes sul vostro Mac o PC ed assicuratevi di aver connesso il vostro dispositivo al computer con un cavetto USB o tramite connessione WiFi. Quindi, a seconda della tipologia di connessione scelta, scegliete di effettuare una nuova sincronizzazione del dispositivo con il PC/Mac. In alcuni casi, basta riconnettere il dispositivo al computer per riavviare la sincronizzazione con iTunes. Step 2 . Aspettate che la sincronizzazione venga ultimata prima disconnettere il dispositivo. Nel frattempo, potete aprire l’applicazione Musica e guardare “in diretta” il trasferimento dei dati dal computer all’iPhone o iPad. Quando il caricamento viene completato, il cerchio sulla destra del brano verrà eliminato. Questo problema sembra capitare maggiormente su quei dispositivi che vengono sincronizzati in WiFi e con sincronizzazione automatica abilitata, probabilmente le due funzioni più utili che sono state recentemente introdotte da Apple in iTunes e iOS. Tuttavia, in alcuni casi il problema sembra essere legato a determinate canzoni che non possono essere trasferite in modo corretto. Nel caso in cui non siate riusciti a risolvere il problema seguendo la precedente mini-guida, di seguito elenchiamo altri consigli utili che potrebbero risolvere il problema: Se il dispositivo è connesso tramite un cavo USB, controllate se questo sia integro e se il dispositivo non sia eccessivamente surriscaldato. In tal caso, sostituite il cavetto. Provate ad utilizzare una porta USB differente per la sincronizzazione. Controllate la presenza di eventuali interferenze sulla vostra rete WiFi utilizzando il tool di diagnostica WiFi di OS X. Provate a riprodurre il brano (o i brani) in questione su iTunes per capire se il problema può essere correlato al file stesso, magari danneggiato o incompleto. In alcune, rare, occasioni potrebbe essere necessario ripristinare il dispositivo per correggere definitivamente il problema. Via – OSXDaily storie correlate CES 2013: Whithings annuncia Firbit, l’accessorio per monitorare le attività sportive “Fitbit Flex”, un nuovo bracciale compatibile con iOS per monitorare le proprie attività CES 2013: Mauz, l’accessorio che trasforma l’iPhone in un mouse con riconoscimento di “gesture” tramite fotocamera Man vs Burger: 5 codici redeem all’interno! L’app ufficiale di eBay.it per iPhone si aggiorna con varie novità



Graffi visibili su iPhone 5 nero? Ecco una soluzione fai-da-te provata da iPhoneItalia!

ott 16th, 2012 | By

Sono comparsi dei segni di utilizzo sul vostro iPhone 5 nero? Lo avete acquistato e avete tristemente scoperto l’esistenza di alcuni piccoli graffietti? Niente paura. Oltre alla sostituzione in garanzia offerta da Apple, quest’oggi vi proponiamo un’alternativa fai-da-te di cui si era tanto parlato in rete e che abbiamo finalmente potuto provare direttamente. Stiamo parlando della Birchwood Casey Super Black, una penna ad asciugamento rapido che viene normalmente utilizzata per ovviare alla comparsa di graffi o ammaccature sulle armi da fuoco, sui binocoli, sulle fotocamere, sulle canne da pesca, ecc. In generale, il suo funzionamento è garantito su tutti i prodotti realizzati in alluminio anodizzato. In alluminio anodizzato è realizzata anche la cornice esterna dell’iPhone 5, proprio la parte soggetta al cosiddetto “VerniceGate”. Come consigliato su diversi forum stranieri, abbiamo pensato di provare il funzionamento della Birchwood Casey Super Black per correggere qualche piccolo segno di usura che era comparso nella parte inferiore della cornice di uno dei nostri iPhone 5 neri. Il risultato? Più che soddisfacente. La Super Black Touch-Up Pen di Birchwood Casey è una penna che permette di ritoccare i prodotti in alluminio anodizzato nei punti in cui dovesse venire meno la verniciatura originale. Il funzionamento è molto semplice: prima di tutto si dovrà scuotere con forza la penna per una trentina di volte. Questa operazione sarà necessaria affinché il “pennello” possa intingersi della vernice contenuta nella Super Black Touch-Up Pen. Fatto ciò, si potrà rimuovere il tappo dalla penna. Nonostante il rischio di “sgocciolamenti” sia veramente minimo, si consiglia di appoggiare l’iPhone su un pezzo di carta o comunque su una base da sfruttare in caso di emergenza (noi abbiamo approfittato della busta con cui ci è stata spedita la Super Black Touch-Up Pen). A questo punto potete procedere. Tenete conto che più piccolo sarà il segno da correggere, maggiore dovrà essere la vostra precisione. Paradossalmente è più facile correggere i segni più evidenti rispetto a quelli con dimensioni quasi impercettibili. Individuate con precisione il punto o i punti da correggere, prendete l’iPhone con una mano e con l’altra la penna. Procedete quindi con attenzione ed evitate pressioni prolungate sull’iPhone: non servono. Basteranno infatti dei piccoli tocchi con la penna nei punti in cui l’alluminio ha rivelato il suo colore originale. Noterete che il colore che verrà restituito all’iPhone sarà veramente simile (se non identico) a quello che aveva in precedenza. Nel caso in cui l’intervento risulti poco preciso, si consiglia di rimuovere completamente il primo strato di vernice e di intervenire da capo. Potrebbero essere necessari diversi tentativi a seconda della tipologia di graffio. Per migliorare l’effetto finale, potete aiutarvi con dei pezzettini di carta o con degli strumenti sottili che vi permettano di limitare l’applicazione della correzione solo nei punti in cui si rivela effettivamente necessaria. Terminata l’applicazione, si consiglia di lasciare ad  ”asciguare” l’iPhone per un’oretta o quanto meno di evitare di toccare i punti interessati prima che la nuova verniciatura non sia completamente asciutta. Curiosi di sapere come è diventato il nostro iPhone dopo questo intervento? Eccolo qui! Il risultato finale è sicuramente più che soddisfacente. Il segno d’usura è praticamente venuto via e non è più visibile in modo evidente neanche in controluce. Ovviamente questa soluzione fai-da-te non vuole sostituire in alcun modo la procedura standard di sostituzione , anche perché – è notizia di qualche giorno – Apple ha finalmente riconosciuto il problema del “VerniceGate” e sta procedendo con le prime sostituzioni dei terminali interessati. Quindi, nel caso in cui abbiate acquistato un iPhone già graffiato, consigliamo assolutamente di ricorrere all’AppleCare per risolvere il problema. In caso contrario, se avete fatto cadere il vostro iPhone o se l’avete accidentalmente rovinato, probabilmente potreste prendere in considerazione l’ipotesi di acquistare una Birchwood Casey Super Black. Di sicuro il processo di riparazione risulterà molto più immediato per coloro che non possono rivolgersi ad un Apple Store o ad un centro assistenza autorizzato di Apple. La Birchwood Casey Super Black può essere acquistata direttamente online tramite i più famosi siti di e-commerce come eBay e Amazon. Per ulteriori informazioni, vi invitiamo a consultare il sito ufficiale del produttore. storie correlate Vinci 3 codici redeem per Total Downloader Chipworks: il cavo Lightning di Apple presenta un chip di sicurezza ASUS presenta Padfone 2: ancora una sfida per Apple? TIM lancia le reti LTE in Italia: disponibili dal 7 novembre in 4 città! Condividere gli odori? Ora si può, grazie a Chat Perf e un iPhone!



Apple e Samsung a San Francisco per risolvere i loro conflitti

mag 21st, 2012 | By

Oggi, il CEO di Apple e quello di Samsung si incontreranno a San Francisco in una corte federale. Dopo i vari conflitti, citazioni in tribunali e piccole provocazioni le due società saranno finalmente costrette a risolvere i loro problemi in modo ”civile”. Perciò  Tim Cook e  Gee-Sung si dovranno ”sopportare” per un intera giornata e…



Problemi di privacy anche per il Rullino Fotografico di iOS

feb 29th, 2012 | By

Apple si è messa al lavoro per correggere i problemi relativi alla sicurezza del Rullino Fotografico di iOS che da qualche settimana affliggono la società.   Come vi abbiamo raccontato qualche giorno fa, molte applicazioni riescono a caricare l’intera rubrica telefonica sui loro server privati. Sebbene Apple sia fermamente contraria a tali pratiche, le applicazioni continuano a trarre vantaggio da questo (se così può essere definito) errore di programmazione. Oltre a questo, il New York Times ha appena scoperto che alcune app di iOS sono in grado di raccogliere anche l’intero rullino fotografico del dispositivo senza autorizzazione, compresi di dati relativi alla localizzazione. Un nuovo report sostiene che Apple è a conoscenza di questi bug ed è già al lavoro per risolvere il problema nel futuro aggiornamento iOS. Ecco uno spezzone del report: Abbiamo parlato con fonti vicine alla situazione, e siamo stati informati che è in arrivo un aggiornamento per correggere questo bug. Secondo le persone con cui abbiamo parlato, Apple è stata informata del problema e sta pianificando tutto per la prossima release di iOS. Queste fonti inoltre ci confermano che la possibilità di inviare foto e video è senz’altro un errore e non una caratteristica di sistema. Con la nuova patch è probabile che sia inserita anche una correzione relativa al salvataggio delle informazioni di rubrica non autorizzate. Apple ha di recente rilasciato una dichiarazione dicendo “Le applicazioni che raccolgono o trasmettono i dati di contatto di un utente senza il loro consenso è una violazione delle nostre linee guida” . L’azienda ha affermato anche che “con la nuova versione del software, qualsiasi applicazione tenterà di accedere ai dati della rubrica invierà prima una richiesta di autorizzazione esplicita” . La stessa regola sarà applicata anche con la raccolta dati di foto e video. Si vocifera che il nuovo iOS 5.1 sarà rilasciato il 9 marzo. Speriamo che tutti questi problemi di privacy possano quindi presto finire con questo nuovo aggiornamento che ormai è alle porte. Via | CultOfMac



Come correggere l’errore 1603 durante l’aggiornamento ad iOS 5 – Guida

ott 13th, 2011 | By
Thumbnail

Tra i vari errori, dovuti all’eccessivo traffico di utenti, che in queste ore si stanno verificando durante l’aggiornamento ad iOS 5, uno molto fastidioso, seppur risolvibile, è rappresentato dall’identificativo 1603. Se volete scoprire come risolvere questo problema ed aggiornare il vostro iPhone ad iOS 5 continuate a leggere questo articolo. Per correggere l’errore 1603 e procedere con l’aggiornamento dei vostri dispositivi ad iOS 5, seguite gli step indicati di seguito con attenzione: Entrate in modalità DFU: per farlo premete il tasto Power per tre secondi, quindi, senza rilasciare il tasto Power premete e tenete premuto il tasto Home. Adesso, dopo dieci secondi, rilasciate Power e continuate a tenere premuto il tasto Home fino a quando iTunes non rileverà un iPhone da ripristinare. Aprite iTunes 10.5 (se non lo avevate già fatto in precedenza); Cliccate sull’etichetta relativa al vostro dispositivo iOS, premete il tasto Shift (Windows) o Alt (Mac) e quindi fate click su Ripristina. Selezionate il file .ipsw di iOS 5 ed avviate il ripristino. In questo modo l’errore 1603 non dovrebbe più ripresentarsi in futuro. Dopo aver completato l’aggiornamento ad iOS 5 potrete inoltre eseguire il jailbreak con l’ultima versione rilasciata oggi dal Dev-Team o, in alternativa, utilizzando Sn0wbreeze. Via – SmashiPhone.net



Con Il Sudoku ora potrete anche “imbrogliare” mentre giocate al classico rompicapo di origine giapponese

feb 14th, 2011 | By
Image Schermata-2011-02-12-a-21.07.24-414x296.png

Il Sudoku è un’applicazione, presente da pochissimo tempo su App Store, con la quale potrete cimentarvi nella risoluzione dei classici enigmi provenienti dal Sol Levante. In particolare, a differenza di molte applicazioni concorrenti, questa porta in dote una grafica molto curata, il supporto per il Retina Display, per l’iPad, visto che si tratta di un’Universal App, ed il fatto di poter “imbrogliare” aggiungendo vari numeri fino alla risoluzione del sudoku




Warning: file_put_contents(/home/iltuoiph/public_html//wp-content/cache/qc-c-92ecb6ace8c7015371403422a4182d44-8b40c559f9ffb2ec787ef751ffbb3ba2-e315154ae8be48ede9171006c65fab6c.53be7ebc48c008.54282273.tmp) [function.file-put-contents]: failed to open stream: Disk quota exceeded in /home/iltuoiph/public_html/wp-content/advanced-cache.php on line 229

Fatal error: Uncaught exception 'Exception' with message 'Quick Cache: failed to write cache file for: `/iphone/tag/risolvere`; possible permissions issue (or race condition), please check your cache directory: `/home/iltuoiph/public_html//wp-content/cache`.' in /home/iltuoiph/public_html/wp-content/advanced-cache.php:233 Stack trace: #0 [internal function]: quick_cache\advanced_cache->output_buffer_callback_handler('<!DOCTYPE html ...', 5) #1 /home/iltuoiph/public_html/wp-includes/functions.php(2773): ob_end_flush() #2 [internal function]: wp_ob_end_flush_all('') #3 /home/iltuoiph/public_html/wp-includes/plugin.php(429): call_user_func_array('wp_ob_end_flush...', Array) #4 /home/iltuoiph/public_html/wp-includes/load.php(580): do_action('shutdown') #5 [internal function]: shutdown_action_hook() #6 {main} thrown in /home/iltuoiph/public_html/wp-content/advanced-cache.php on line 233